Mostra di pittura di Pasquale Gravina

img_1081

img_1080

Al Cala la sera Caffè otto tele sull’estate

E’ ancora estate a San Giovanni Rotondo. Fino alla fine di ottobre al Cala la sera Caffè di San Giovanni Rotondo c’è la mostra di pittura e poesia di Pasquale Gravina (nella foto).Le otto tele, in acrilico, trattano diversi temi e sono state dipinte dal giovane artista sangiovannese durante l’estate. Questa è la seconda mostra di Gravina che già aveva dimostrato talento e creatività nelle tele precedenti.

L’ingresso è libero tutti i giorni, tranne il mercoledì, dalle 20.

Ecco le poesie dello stesso artista abbinate ad alcune tele:

Dolce Mistero

Perché
nella tua voce
sento
il canto
della tua anima immensa
spandersi nel cielo,
come il sole sfolgorante e puro
dell’aurora?

 

Perché
nel tuo sguardo
vedo
il bagliore candido
della luna…
e velate tutte le altre stelle?

 

Perché
amo il tuo sorriso,
che allontana ombre
algide e tenebrose?
Irrisolto…
resto senza di te.

 

Sensazioni

Si ritira
nel mare
l’ultima onda
e un tappeto di cielo
si prostra ai miei piedi.

Nell’ aria dorata
colgo
il sapore candido dell’estate.

Gli ultimi fievoli raggi
velano l’orizzonte
di una pace immensa…
sublime.

La musica
penetra
negli animi muti.

M’assale
l’amore della Natura…
ma si perde
nell’abisso vorace
della mia anima.

 

 

Tecnologia

Celermente
la scienza svela
segreti
alla figlia fallace…

 
e la mia mente,
isola di pensieri
d’amore e folclori,
teme il vago avvenire.

 
Tutt’intorno…
abissi di inerzia e bestemmia
cingono l’universo
della società in declino.

 

Perso,
seguo orme
su rive già percorse,
che il mare
di rado cancella,
rincorso da familiari occhi
celati
tra selve di falsi simboli.

Presto,
gli oggetti del futuro
ci immergeranno
in abitudini algide e morte…
tra ombre di ira, odio e orrore
si nasconderà, pavido, il nostro cuore.

 

Notte di fine estate

Mentre la brezza del mare
culla il mio cuore
in notti gelide e sole…
chiedo alla luna:
“dov’è l’amore?”

Sono re
di un regno di lotte sempre irrisolte:
la mia anima…
terra selvaggia
dove estri fatali
e ignote lussurie
si celano come teneri amanti…

 

essa è deserto
senza di te.+

 

Articolo pubblicato su sangiovannirotondo.net

Lascia un commento